Le mani e i doni della terra v

I doni della terra sbocciano dal duro lavoro dell’uomo. Le mani separano, scelgono, piantano, lavorano, trasformano. Mani secche e callose di uomini e donne, che conoscono il sole e la pioggia. Mani che conoscono la fatica. Tramite il lavoro di quelle dita le piante germogliano e i loro frutti ci sostengono e ci deliziano.
L’uomo imbriglia la natura, la addomestica attraverso un duro sforzo. Ma se l’impegno finisce, se l’uomo rivolge altrove il proprio sguardo, la natura riprende ogni cosa. Un mare verde che ricopre tutto e del florido passato, del passaggio umano, non rimarranno che tracce semi cancellate sul terreno.